Tag Archives: italicum

Una montagna di bugie. (“Le palle no”)

È una sensazione costante, ma a volte appare con una chiarezza quasi abbagliante: altro che Giorni bugiardi. Da due anni, è questa la sensazione, siamo tutti seduti sopra una montagna di bugie, una montagna che diventa ogni giorno più alta. Perché continuiamo a far finta di non ricordare, a raccontarcene di nuove, o a dimenticarci davvero. Per questo si allarga il cuore quando trovi qualcun altro che lo sente, e lo dice. Come è successo oggi, un po' di volte, mentre scendevo giù per l'Italia in treno. Ma andiamo in ordine.

Dunque, oggi è arrivata una lettera del segretario Matteo Renzi a tutti i coordinatori di circolo del Pd. Per la verità, mi giura una segretaria di Roma ("parola di democratica"), è arrivato un link. Cioè, tu aprivi la e-busta e dentro non c'era la e-mail, ma c'era un link al sito del Pd. Insomma, caro segretario di circolo, se vuoi leggere cosa ho da dirti vieni a mettere un click da me che di fare copia incolla non avevo tempo. Evabbè, non facciamo i rosiconi che sottilizzano pure sul bon ton. Qui mi si è allargato il cuore per la prima volta nel leggere la splendida Michela Cella. Che io per la verità non lo so di preciso chi è, ma da oggi è mia sorella. Scrive dunque Michela su facebook:  Continua a leggere

Italicum, il problema è diventato un altro

Mi pare che da qualche giorno a questa parte i problemi siano diventati due: uno c'era già, ed è l'Italicum. L'altro è il modo in cui sta per essere approvato l'Italicum.

Ecco, a me l'Italicum non piace. Ma se fossi una parlamentare, il modo in cui sta per essere approvato l'Italicum mi renderebbe dubbiosa sul votare a favore anche se mi piacesse l'Italicum.

Per due motivi: i precedenti che si stanno creando pur di approvare l'Italicum, e perché questo modo di approvare l'Italicum illumina retrospettivamente l'Italicum di molte nuove sfumature.

Ma la sinistra non è stata asfaltata

Sulla direzione Pd, oggi ho scritto questo per i giornali locali del gruppo l'Espresso

Matteo Renzi non ha ceduto di un millimetro sull'Italicum, la minoranza Pd però non è “asfaltata”. Se è vero, come hanno scritto i giornali, che il segretario puntava – con l'improvvisa convocazione della direzione del Pd – a fotografare la spaccatura nel fronte dei suoi oppositori, a isolare i “seniores” (Bersani, D'Alema, Bindi) e gli “irriducibili” (Fassina, Cuperlo) incorporando il grosso degli ultimi quarantenni che ancora non si erano renzizzati, la missione del segretario non è riuscita. La direzione ha approvato, coi numeri larghi che Renzi si è guadagnato alle primarie, la blindatura e l'accelerazione sulla riforma; ma la minoranza Pd, dopo giorni durissimi in cui il grosso degli osservatori le aveva già cantato il requiem, ha trovato per una volta la forza di non dividersi e di insistere sulle modifiche che il segretario nega. I prossimi venti giorni, quelli che mancano all'arrivo in aula dell'Italicum il 27 aprile, apriranno a questo punto, comunque vada, una fase nuova, al momento non facile da immaginare.  Continua a leggere

Gli smemorati dell’Italicum 

A quelli che "ne abbiamo discusso tanto, abbiamo accolto tante proposte, ora basta, è ora di chiudere" ricordo che la legge elettorale è stata approvata prima alla camera con un pezzo di Pd contrario - contrarietà espressa esplicitamente nella dichiarazione di voto dal capogruppo, che aveva condizionato il voto favorevole all'approvazione di alcune modifiche al senato. 

Successivamente, al senato, la riforma è stata approvata con il voto determinante di un pezzo di Forza Italia (ricorderete il soccorso arrivato da Verdini alla vigilia del voto sul Quirinale) e la contrarietà dei senatori della minoranza Pd. 

Perché adesso alla camera, in assenza di modifiche, i deputati della minoranza Pd dovrebbero sconfessare in un colpo solo i colleghi senatori della stessa minoranza Pd e se stessi, rinnegando quanto detto in aula in occasione della prima lettura? 

Prima di improvvisare prediche, cerchiamo per cortesia di ricordarci i fatti. 

Torna il partito solido, ma decido tutto io

"L'offerta del premier alla minoranza Pd", dice il titolo di Stefano Folli in prima pagina su Repubblica. Orsù, precipitiamoci a leggere. Scrive dunque Folli che siccome, è noto, il patto del Nazareno non c'è più, Renzi avrà pur bisogno di disinnescare qualche mina, per cui gli sarà indispensabile aprire alla minoranza del suo partito. È la tesi storica di Repubblica, sovente smentita dai fatti. Ma stavolta sarà diverso: Renzi, racconta Folli, ha spiegato all'Espresso cosa intende fare: se "da un lato annuncia l'intenzione di andare avanti senza tentennamenti, cioè senza concedere alcuna correzione sulla riforma elettorale, dall'altro apre a una diversa organizzazione del Pd". Insomma, il Pd tornerà a essere, ammesso che lo sia mai stato, un partito solido (anche se - non si pensi - un partito solido non tradizionale) e non più, com'è diventato adesso, un comitato elettorale del leader. La ditta insomma sopravvive, annuncia lieta Repubblica agli oppositori di Renzi "che vogliono collaborare". Insomma: Renzi decide tutto con Verdini e nessuno deve osare non essere d'accordo, tanto casomai lui si appella al popolo e chiede il plebiscito, però nel Pd "ci sarà spazio" per gli oppositori tesserati.

La domanda, come si dice, sorge spontanea: non sarà mica, per caso, che uno dei due, o Renzi o Folli, pensa che ccà qualcun è fess?

Il premio al partito ammazzando il partito

Quindi - grande vittoria - abbiamo strappato a Berlusconi il sì al premio alla lista e non più alla coalizione. Io sono d'accordo. Per chi ha creduto nel Partito democratico, poter finalmente votare direttamente per il proprio partito, e poter puntare a vincere col proprio partito, è una soddisfazione grande, in un paese nel quale per anni per essere cool bisognava parlare male dei partiti, e per avere chances di vittoria alle elezioni bisognava nascondere il partito in qualche calderone indistinto, e per essere leader era meglio se rinnegavi la tua storia di partito. L'avevo anche scritto - altri tempi - qui.
E tuttavia, proprio oggi, mi chiedo: cos'è un partito? Un posto dove io ci sto, ma se io non sono d'accordo si va da Verdini e ci si mette d'accordo con lui per fare quello su cui io non sono d'accordo. E se poi anche un pezzo del partito di Verdini non è d'accordo, chi se ne frega tanto i numeri ci sono. È questo, un partito? Che partito è? Cosa lo voto a fare?

In quale direzione

Leggo che alla direzione del Pd di stasera, convocata d'urgenza con un sms e due giorni di preavviso in orario notturno, così da venire incontro - immagino - alle esigenze del territorio, si voterà su: Jobs act, legge elettorale, legge di stabilità e riforme costituzionali. Leggo che bisogna correre, correre, correre.
Speriamo che ci spieghino anche perché corriamo, con l'occasione. Perché con le aziende che chiudono, gli argini che crollano e il governo stabile fino al 2018 si debba correre tanto per fare subito subito la legge elettorale ad esempio.
Perché se "il patto scricchiola" e siamo pronti a proseguire senza Berlusconi non possiamo fare, come abbiamo sempre detto di voler fare, i collegi uninominali, invece di quella cosa delle liste un po' bloccate è un po' no, anche.
Perché se abbassiamo le soglie per far contenti i "piccoli" e anche i minuscoli, andiamo avanti con una riforma dichiaratamente pensata per rendere il nostro "un sistema fondato su due grandi partiti" (che poi non ho mai capito qual era il secondo grande partito, visto che Forza Italia è il terzo).
Cosa vuole fare insomma Matteo Renzi, a parte correre e dare titoli ad effetto ai giornali? Verso dove stiamo correndo, presidente? Se ce lo spiega in modo convincente, sarebbe importante. Se magari qualcuno stasera glielo chiede, ci fa un favore. Che noi possiamo solo guardare lo streaming, e comunque abbiamo già il fiatone. Grazie.