Tag Archives: quirinale 2015

Rassegna Quirinale/16: epilogo

Sergio Mattarella è un uomo mite, determinato, colto, saggio e una persona di grande rigore e umanità. Sapere che è il nostro presidente della repubblica è pura felicità. Ultime cose da dire, su quanto abbiamo raccontato e letto, dopo qualche giorno di silenzio autoimposto e scaramantico. Sono parecchie, quindi le dirò rapidamente e con scarsa diplomazia.

1) Tra prima e seconda repubblica. Li hanno intervistati tutti, i campioni della prima repubblica, ma io non sono mica tanto d'accordo con questa narrazione di Mattarella come campione della prima repubblica. Nella prima repubblica Mattarella c'era e faceva il ministro, per carità, ma è della nascita della seconda repubblica che Mattarella diventa un protagonista. Continua a leggere

Rassegna Quirinale/15: Bersani

C'è un colloquio di Bersani con Aldo Cazzullo sul Corriere della sera. Ci sentiamo poi per l'epilogo (spero). Con le dita incrociate è scomodo scrivere

Rassegna Quirinale/14: la sua voce

Sarà una lunga giornata, e ogni parola rischia di essere di troppo, perfino quelle di questo piccolo blog.
Sui giornali molti bei ritratti dell'"ultimo moroteo", Sergio Mattarella. Notevole ieri un tweet di Antonio Polito: "Un collega mi ha chiesto se Mattarella parli inglese. Ho risposto che Mattarella non parla".
Eppure qualcuno ha trovato, su Youtube, un'intervista, in realtà un breve messaggio registrato nel 2010 per il Movimento studenti dell'Azione cattolica, del candidato al Quirinale. Mi pare che ci sia molto di com'è, di cosa pensa, di quale presidente potrebbe essere. E soprattutto si sente la sua voce. A Massimo Gramellini non è piaciuto, mi pare. A me, sinceramente, molto. Quindi lascio volentieri parlare lui, Sergio Mattarella.

Rassegna Quirinale/13: il parlamento

Le cose stanno così: a differenza di quello che pensano certi giornalisti, convinti che si trattasse di scegliere se mettersi d'accordo con Berlusconi o, mettiamo, con D'Alema, Matteo Renzi sa benissimo che per eleggere un presidente della repubblica servono i voti del parlamento. Siamo ancora una repubblica parlamentare, ebbene sì, nonostante tutto. Per ora. E quindi Sergio Mattarella è il candidato che ha più consensi in questo parlamento tra quelli che Matteo Renzi può accettare (leggasi: "raccontare").
Penso molte altre cose, ma ve le dico domani. Dopodomani anzi, probabilmente. La parola adesso è al parlamento. La responsabilità è tutta sua. Hanno già fatto due errori gravi, due anni fa. Vedremo stavolta. Ma oggi, nonostante tutto, già l'idea che ci sia ancora qualcosa, in Italia, su cui decide il parlamento, a me mi mette di buonumore. Che ci volete fa'.
Voi potete ingannare l'attesa leggendovi questo pezzo, perfetto, di Marco Damilano sul sito dell'Espresso.

Rassegna Quirinale/12: la voce dei cittadini

Due anni fa si votò con la piazza che assediava Montecitorio. Non in senso figurato eh. C'è stato un momento in cui manifestavano contemporaneamente davanti alla camera: quelli con la mortadella contro Prodi, quelli che bruciavano la tessera del Pd contro il Pd, quelli per Ro-do-tà contro tutti gli altri. Gli occupy Pd occupavano il Pd, i giornali traboccavano di campagne anti casta contro questo o quel nome, foto coi carrelli, entità delle pensioni, esami severissimi di statura istituzionale e internazionale. Insomma, era un gran casino, anche un po' pericoloso per la democrazia, e certamente ha falsato la percezione di quei fatti in chi dentro quei palazzi si trovava, e ha contribuito fortemente a determinare l'esito di quella vicenda.
Oggi, tutt'altro clima. Piazza Montecitorio, almeno per ora, appare assolata e tranquilla. I capi degli occupy Pd stanno a Strasburgo a fare i parlamentari. Le primarie del Fatto quotidiano, che puntavano a rilanciare Rodotà, le ha vinte Magalli. Vedremo se nelle prossime ore si alza un po' di vento, per ora è calma piatta. Ma qualcosa, attenzione, potrebbe essere in movimento. I grillini, dopo lunga indecisione, sembrano orientati a fare le Quirinarie; solo che il Pd non gli ha dato i nomi, così loro stanno un tantino litigando su chi candidare. Sembrava facile due anni fa dire che uno vale uno: è un po' più complicato, se decidi di fare politica. Però auguri.
Tuttavia intanto sul Corriere qualcuno finalmente si fa sentire per dire cosa pensa la gente sulla corsa al Quirinale. È a nome dei cittadini infatti, "ci ascoltino", che la vox populi di Salvatore Settis, intervistato da Paolo Conti, avanza la sua proposta alla Casta: candidate Giuliano Amato.
Sono giorni un po' così.

Rassegna Quirinale/11: il nome secco (e il mondo alla rovescia)

"Troppo facile: Fassino!". Il più veloce a twittare è stato Francesco Cundari, onore al merito. Va detto che su questo terreno anche Graziano Delrio è competitivo, ma se si cerca una personalità "dal profilo alto" allora Piero è indiscutibilmente avvantaggiato. Si cazzeggia, per non morire, in attesa che dopodomani si aprano le urne. E la notizia, sui giornali di oggi, è che il premier avoca totalmente a sé l'onere della proposta, non proporrà una terna di nomi "per non lasciare ad altri interlocutori la scelta" e giocherà tutte le sue fiches in una volta, venerdì sera o sabato mattina, proponendo un nome secco, il "suo" nome secco: prendere o lasciare. Il parlamento lo sappia: è su Matteo Renzi che si vota sabato, nel bene e nel male. Non ci saranno alibi né scuse, la scelta non sarà attribuibile a nessun altro, né in tutto né in parte. È la prima volta, a memoria, che un presidente del consiglio sceglie il presidente della repubblica (la Costituzione a onor del vero prevederebbe il contrario). Ma son dettagli, e poi c'è sempre una prima volta, si sa. Continua a leggere

Rassegna Quirinale/10: Aristotele si rivolta nella tomba

Comincia la settimana decisiva, ma i giornali sono fiacchi. Il borsino di chi sale e di chi scende inizia a dare il mal di mare anche agli stomaci più forti. Le ricostruzioni su cosa successe e come andò le altre volte cominciano a richiedere sforzi di fantasia piuttosto arditi, il povero Fabio Martini sulla Stampa è costretto a inventarsi che anche Bersani fu tra i colpevoli dell'affossamento di Prodi nel 2013, e sono sfide alla logica non alla portata di chiunque; ma almeno oggi possiamo fare qualche tweet contro Fassina (che aveva parlato di responsabilità di Renzi nella vicenda dei 101) accusandolo di essere un bugiardo spudorato. Fu Bersani a guidare il complotto. Lo fece apposta, per farsi fuori.
A palazzo Chigi sembrano preoccupati di sfoltire lentamente la rosa ma senza prendersi la colpa di aver fatto fuori nessun candidato autorevole. Così, dopo aver fatto sapere che Amato è il candidato di un complotto tra Berlusconi e D'Alema contro Renzi (altra sfida alla razionalità e all'evidenza), oggi è la volta di un presunto "veto" di Berlusconi su Sergio Mattarella. Il Pd, naturalmente - si sa - non accetta veti da nessuno. Tuttavia, casualmente o per una coincidenza, si prende atto e si comincia a ragionare su altri nomi, tenendosi pronti a "cambiare gioco all'improvviso". Tutto assolutamente lineare e consequenziale, come vedete.
Speriamo bene.

PS/1: Leggo che il Pd voterà scheda bianca alle prime tre votazioni. Una scelta non elegantissima alla luce dell'articolo 83 della costituzione, che non dice che il presidente della repubblica si può eleggere in due modi, o alla prima o alla quarta con due maggioranze diverse, bensì, testualmente:
L'elezione del Presidente della Repubblica ha luogo per scrutinio segreto a maggioranza di due terzi dell'assemblea. Dopo il terzo scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta.
Sembrano sfumature, ma le sfumature contano.

PS/2: Leggo che Civati manda una lettera al Pd in cui dice che candida Prodi invece di partecipare all'assemblea del Pd e chiedere la parola per candidare Prodi. Il che gli guadagnerà molti consensi, immagino, nell'assemblea del Pd. Benedetto ragazzo.

Rassegna Quirinale/9: attenzione, c’è un Patto

Lo spin da palazzo Chigi ieri sera è arrivato forte e chiaro sui telefonini di retroscenisti e capiredattori. Sul Quirinale le cose stanno così, diceva la voce di Matteo: c'è un Patto che condizionerà il voto. Berlusconi, sapete, ha fatto un Patto. Un Patto con Bersani e con tutti i miei avversari, contro di me, per portare Giuliano Amato al Colle.
Evidentemente si trattava di un test, come quelli che fanno alle macchine per vedere quanto è forte il colpo a cui può resistere la carrozzeria. Volevano verificare se c'era un limite: la logica, la verosimiglianza, il ridicolo.
La risposta del giornalismo italiano è stata: ok non c'è problema, lo scriviamo.

E voi che cercavate il candidato anti Nazareno dalle parti di Civati e Vendola. A Berlusconi dovevate chiedere. A Berlusconi.

Rassegna Quirinale/8: il metodo

"Si parte dal Pd", scandisce perentorio il vicesegretario Lorenzo Guerini davanti alla solita selva di microfoni al termine della riunione della segreteria, annunciando un'assemblea di parlamentari per lunedì mattina. Dunque, abbiamo un metodo. Differente dall'ultima volta, quando il Pd all'unanimità (prima in direzione e poi nei gruppi parlamentari) aveva dato a Pierluigi Bersani il mandato di raggiungere un accordo con Silvio Berlusconi su un nome purché dell'area di centrosinistra. L'unità del Pd su quel nome, in partenza, i gruppi dirigenti la diedero per scontata. "Avete capito cosa significa dire che non ce lo eleggiamo da soli, sì?", aveva avvertito il segretario al termine della riunione plenaria dei grandi elettori. Significava "avete capito che non potrà essere il nostro preferito in assoluto, che dovremo fare un compromesso?". Il gruppo aveva risposto positivamente, e Bersani, senza presentare rose (mi sono rassegnata a leggere questa storia della "rosa", ma non è vera), ottenne da Berlusconi - che era partito rivendicando il Quirinale addirittura per Gianni Letta - il sì a un fondatore del Pd, Franco Marini. Sappiamo quello che successe dopo. Continua a leggere

Rassegna Quirinale/7: i 101

A una settimana esatta dal primo voto, Stefano Fassina - probabilmente esasperato dalle minacce e dai richiami alla disciplina di maggioranza che continuano ad arrivare da pulpiti non sempre titolati - riporta sotto i riflettori il grande rimosso della vita interna del Pd: la vicenda che determinò l'eccezionale rielezione di Napolitano e su cui si concluse drammaticamente la segreteria Bersani.
Secondo Fassina, che come sa chi lo conosce può sbagliare ma sempre per eccesso di generosità e buona fede, "non è un segreto" che fu Matteo Renzi il capo dei 101. La dichiarazione spopola sui giornali di oggi, ma a chi scrive pare che il clamore sia eccessivo. I fatti successivi agli eventi dell'aprile 2013 illuminano con una certa chiarezza quanto è avvenuto. Continua a leggere