Monthly Archives: luglio 2015

Su Azzollini e il Pd, in dieci punti

Dato che sui social network temo di non farmi capire, e invece ci tengo:

1) sono felicissima che il senatore Azzollini non vada in galera. Sono felicissima che chiunque non vada in galera. E neanche agli arresti domiciliari.

2) non ho la più pallida idea sull'esistenza di un fumus persecutionis della procura di Trani contro Azzollini. Non ho letto le carte, nemmeno una riga.

3) però il punto è che il fumus o c'è o non c'è. Non è che il giudizio su una richiesta di arresto può dipendere dal fatto che la procura di Trani prende iniziative un po' strane o che Azzollini deve avere la presunzione di innocenza come tutti. No: si deve valutare se c'è il fumus e poi votare.

4) per questo non  capisco l'sms del presidente Zanda che dice: leggete le carte e giudicate secondo coscienza. E ci mancherebbe altro che un senatore votasse senza leggere le carte e contro la sua coscienza sull'arresto di un altro senatore. Tanto più che il voto su questi temi è segreto, quindi la coscienza è libera per definizione.

5) a meno che Zanda non volesse dire qualcos'altro, che i senatori Pd infatti hanno capito benissimo, e infatti hanno votato in gran parte (due terzi del gruppo, pare) contro l'arresto.

6) se tu Partito democratico vuoi votare contro l'arresto di Azzollini sei liberissimo di farlo e forse fai bene. Però te ne prendi la responsabilità e me lo spieghi, tu che hai le carte sottomano, anche perché, partito mio, in commissione avevi votato a favore, il tuo presidente aveva definito l'arresto "inevitabile" e così io non ci capisco niente (e il grillino gode).

7) che poi la tua vicesegretaria, caro Pd, dichiari due ore dopo il voto che era meglio votare a favore dell'arresto perché "non solo mi sembra corretto rispettare l'approfondito lavoro della Giunta, che così risulta quasi svilito, ma resto convinta che la politica abbia il dovere di mantenere la massima trasparenza nei confronti dei cittadini e della giustizia. Temo che si sia persa un'occasione per dare un buon segnale di cambiamento", mi fa proprio cadere le braccia. Perché:

8) mandare in galera qualcuno non è "un segnale di cambiamento" e non si manda in galera nessuno per dare segnali.

9) la Serracchiani non li aveva letti i giornali stamattina prima del voto? Non sapeva dell'sms di Zanda? Come mai non è intervenuta?

10) non ci potete trattare proprio come se fossimo tutti scemi, perché non lo siamo e ci potremmo anche arrabbiare tantissimo.

Matteo Renzi, un leader senza partito

Ho scritto questo per i giornali locali del gruppo l'Espresso (Il Tirreno, La Gazzetta di Mantova, Il Mattino di Padova, Il Piccolo, Il Centro, La Gazzetta di Reggio, La Gazzetta di Modena, Alto Adige, Il Trentino, Il Messaggero Veneto, La Nuova Sardegna, La Nuova Venezia, La Città di Salerno e altri)

Alla fine, Matteo Renzi ha chiuso la telenovela sulla sua partecipazione alla Festa dell’Unità di Roma nel modo a lui più congeniale: con una trovata comunicativa. Un blitz alla vigilia della data prevista, qualche selfie, una partita a biliardino e niente comizio, con motivazione all’attacco, affidata ai giornali: «Se la vedano loro». Più ancora del curioso fenomeno di un segretario che, invitato alla festa del suo partito, pone per giorni le sue “condizioni” prima di decidere se accettare; che essendo la festa in questione quella di Roma - ed essendo il caso di Roma e della sua giunta guidata da un sindaco Pd in prima pagina su tutti i giornali del mondo - ci tiene a far sapere che però non parlerà di Roma; che infine va alla festa un giorno prima del previsto per premunirsi da "imboscate", colpisce osservare in rete le foto della serata. Quelle immagini del segretario in mezzo ai militanti assomigliano ben poco a qualunque foto di altri leader in situazioni analoghe, trasmettono freddezza, distanza, forzatura: comunicano estraneità. Continua a leggere

Perché non vuoi Verdini, ovvero: e adesso, pubblicità

Ho conosciuto un ragazzo che lavora nella pubblicità. Dice che quindici anni fa, appena laureato, ha fatto una selezione come creativo ed è arrivato primo, su diverse centinaia. Dice che da allora si è divertito un sacco, ed è pure un bel posto penso, pagato bene. Però non ne può più. Vuole, vorrebbe, andarsene. Dice che il pubblico italiano è cambiato, anzi ve la dico tutta: che è regredito. Che non è più in grado di capire un messaggio un pochino più sofisticato di "compra questo, è buono", oppure "prendi quello, conviene". Niente ironia, doppi sensi, suggestioni: sono cose inutili, anzi danno fastidio, spiazzano. Niente messaggi complessi o almeno un pochino sofisticati. Niente creatività. Sennò la gente si confonde, non capisce. "Prendi questo". "Accattatevillo", avrebbe almeno detto anni fa Sofia Loren con un bel po' di malizia, fascino e (auto)ironia: spot audaci a guardarli oggi, cose che non si fanno più. Continua a leggere

La disciplina di partito

Nemmeno Matteo Renzi può tutto: nonostante la riuscita operazione mediatica sulle tasse, il tema delle difficoltà del Pd sul "territorio" e dello stato di tensione che quasi ovunque attraversa il partito non si riesce a far sparire dai giornali. Un po' forse è anche per ingenuità dei dirigenti Pd, che continuando ad alludere a "strette regolamentari" anti dissenso in realtà non fanno che enfatizzare il problema. Ma forse non si tratta di ingenuità, come vedremo.  Continua a leggere

Lezioni greche: come fa a finire una democrazia

Ho appena finito di leggere "Socrate, per esempio", il nuovo libro di Mariangela Galatea Vaglio. Leggetelo anche voi, portatelo in spiaggia, parlatene ai bambini. Vi divertirete voi, farete un regalo a loro. Io l'anno scorso l'ho fatto, col libro precedente, quello di Didone, ed è andata così: meglio di Beautiful. Che Galatea a storytelling non la batte nessuno. Ma mo' volevo dirvi un'altra cosa.  Continua a leggere

Mattarelliani da prima

Queste sono le cose che ho detto introducendo la presentazione del libro di Pio Cerocchi "Il presidente - Un ritratto" (Editori internazionali riuniti, 10 euro) che si è svolta ieri alla libreria Arion Montecitorio alla presenza di Pierluigi Bersani, David Sassoli e molti amici, in un'aria di "casa" che è difficile da raccontare, per cui non ve la racconterò. 

Questo libro nasce da una delle epiche, viscerali, spettacolari incazzature di Pio Cerocchi. Pio è un puro, e chiunque abbia avuto a che fare con lui, per lavoro, amicizia o entrambe le cose, conosce benissimo il meccanismo esplosivo, sanguigno, popolare di queste incazzature (la parola "popolare", qui, gli farà piacere, credo). In questo caso, l'incazzatura scatta il giorno dell'elezione del presidente, quando cominciano le telefonate dei colleghi, che sanno che Pio è stato molto vicino a Mattarella: il direttore responsabile quando il presidente era direttore politico del Popolo. È un momento di grande eccitazione e commozione, nonostante questo tu rispondi (è successo anche a me in quelle ore) e tutti i giornalisti politici d'Italia ti rivolgono la stessa domanda, ovvero: di che squadra è tifoso?  Continua a leggere

Cose positive fin da adesso del referendum greco, comunque vada/2

E niente, Junker continuava a trattare, Tsipras anche, l'Eurogruppo si doveva riunire, ma sono intervenuti la Merkel e Schaeuble a dire che le trattative sono sospese fino a dopo il voto di domenica. Grazie al referendum greco, si chiariscono dunque altri due punti fondamentali.

1) chi decide in Europa. (ok, lo so che lo sapevate ma così non possono manco più dire che non è vero e sostenere che le istituzioni europee e le riunioni che fanno a Bruxelles contano qualcosa).

2) il problema (di quelli che decidono) non è mettersi d'accordo con Tsipras, il problema è buttare giù il governo Tsipras, poi se ne riparla. Perché? Perché in Europa è proibito governare da sinistra. Non si può, e basta. (In Italia ce n'eravamo già accorti, alcuni di noi. Ma quando lo diciamo ci sfottono. Chissà perché). Ah, se in Europa ci fosse ancora la sinistra. Quante je ne direbbe, a quelli che decidono.

(Continua, forse)