Tag Archives: Corriere della Sera

Ah, quanto erano tecnici. (Anniversari)

Intanto che il mondo è in lutto, con sobrietà s'intende, si autocelebrano i tecnici: c'è chi può, noblesse oblige, e poi loro sì che hanno agito "per l'italia", stabiliscono da soli sottintendendo che gli altri, invece. Loro, "scientifici" - peccato quella mezza dozzina di riforme incostituzionali, ma vabbè - e disinteressati alle poltrone occasionalmente capitategli, e un poco risentiti con la patria ingrata, che le loro bellissime riforme "non gliele lasciava spiegare" nemmeno alle feste dell'Unità, dove chi andava sui palchi mica metteva la faccia e si prendeva i fischi al posto loro, noo. "I partiti ci hanno fatto perdere un sacco di tempo", ricorda infine il sobrio professore. Forse è per questo che poi ne ha fondato uno. Candidando un sacco di gente rapida, va detto. Soprattutto nel cambiare casacca.

Dedicato al professor Monti, con gratitudine pari alla sua.

Antiberlusconiani e mazziati

Da una parte c'è il Fatto quotidiano con i suoi orgogliosi pantheon di antiberlusconiani a prova di martirio, inseguito con qualche comprensibile imbarazzo da Repubblica che si limita ad alzare educatamente il sopracciglio. Dall'altra ci sono gli entusiasmi foglianti per la fine delle sterili contrapposizioni della seconda repubblica, rilanciati con trattenuto entusiasmo dal Corriere della Sera. In questo dibattito originato dalla strabiliante (ma non troppo) affermazione del presidente del consiglio e segretario del Pd che parlando al Meeting di Cl (ma poi anche in un teatro affollato di sostenitori del nuovo corso) ha messo sullo stesso piano berlusconismo e antiberlusconismo accusandoli di avere "bloccato l'Italia" per vent'anni, c'è qualcosa che - chissà perché (si scherza) - nessuno dice. Infatti è difficile da dire, e non tutti hanno titolo.

A sinistra in questi anni non c'è stato soltanto il pantheon del Fatto quotidiano nudo a combattere contro l'orrido inciucio. C'è stata anche una sinistra, spesso maggioritaria, che si è rifiutata di definirsi solamente "contro" Berlusconi. E che per questo ha provato, proprio per non contribuire a bloccare il paese in uno scontro ideologico e sterile, ad agire - quando poteva, cioè quando ha avuto la forza per farlo - come se avesse un fortissimo avversario "normale" (ah, questa parola!). Questa sinistra (riformista? socialdemocratica? normale?) pur con errori e contraddizioni, ha cercato di guardare all'interesse del paese più che a una rendita di posizione elettoralistica ed emotiva. Ha cercato di unire ciò che Berlusconi divideva, preservando lo spirito costituzionale mentre la destra berlusconiana lavorava a demolirlo. Ha cercato di cambiare le cose in maniera concreta e non ideologica, pur non avendone sempre la forza. Ha accettato di correre il rischio di dialogare con la destra così com'era, quando lo imponevano le necessità e le regole costituzionali. Sto parlando di fatti storici e concreti, verificabili, dalla Bicamerale ai governi Monti e Letta.

Questa sinistra ha spesso pagato un prezzo, anche a causa del mood prevalente nella stampa e dell'intellighenzia di sinistra, mai abbastanza sazia di antiberlusconismo militante, che ha alimentato e coltivato uno spirito antagonista e moralista nel suo stesso campo. Con queso mood ha scelto non di combattere, equiparandolo a un avversario anche se spesso lo è stato, ma di confrontarsi con spirito di umiltà e di apertura, di combattere insieme. Spesso senza incontrare altrettanta disponibilità e apertura. E per inciso, di questa retorica antiberlusconiana militante si è nutrita la campagna di logoramento di Matteo Renzi contro il governo Letta, fino a poco più di un anno e mezzo fa quando Berlusconi venne ricevuto al Nazareno.

Oggi, è proprio contro quella sinistra che viene brandita l'accusa di aver "bloccato" il paese. E nessuno sottolinea questa assurdità (con l'eccezione parziale di Piero Ignazi su Repubblica di ieri). Da quali pulpiti, con quali titoli e con quale onestà intellettuale si stia svolgendo questo dibattito (sostanziale e tutt'altro che agostano) sull'identità e le prospettive del Partito democratico, ognuno lo può giudicare.

Tonini contro i vietcong

Sempre interessante leggere le interviste di Giorgio Tonini, lo dico senza ironia. Oggi parla col Corriere, e dice una frase che mi gira in testa da stamattina. Dice: "In tutta Europa i sistemi parlamentari poggiano sulla disciplina di partito". Ecco, mi sembra di no.

Non solo perché, poche pagine più avanti proprio il Corriere, in un costernato ritratto di Jeremy Corbyn, candidato "rosso" in testa nei sondaggi sul congresso del New Labour, ci dice che il Nostro, dalla svolta blairiana a oggi, ha votato contro le indicazioni di partito per cinquecento volte, roba che Fornaro e Gotor sono dei principianti. Il che non gli ha impedito di fare il deputato per trentadue anni e di candidarsi oggi non a fare la scissione ma a guidarlo, il suo partito.

Non solo perché Tonini stesso nella stessa intervista ci spiega che l'Italicum non è pericoloso perché anche in un parlamento di nominati "venticinque vietcong ci saranno sempre". (E allora perché, se tanto ci sono sempre stati e ci saranno saranno sempre, proprio in questa legislatura li vogliamo sterminare sti poveri vietcong, dico io? Ma che sfiga hanno Gotor e Fornaro?).

Ma è vero che Merkel e Cameron possono contare sui loro parlamentari (per quanto liberi di dissentire), come del resto anche Renzi, che mette una fiducia a settimana e mi pare che l'abbia sempre ottenuta. La direi così, però: la democrazia parlamentare non poggia sulla disciplina di partito, bensì sui partiti. Partiti dico: non partiti della nazione in cui chi entra o chi esce fa lo stesso, non partiti personali in cui uno comanda e gli altri gli dicono bravo su twitter, e chi non si trova bene è un gufo. Partiti con una storia, che non fanno il sito nuovo rendendo inaccessibili tutti i contenuti degli anni precedenti. Partiti di cui i giornali non scrivono "vabbè allora dividetevi", e gli avversari non dicono "via, cacciate un po' di gente che i voti ve li diamo noi" senza che dalla segreteria esca una mezza parola che spieghi che nessuno deve azzardarsi a evocare scissioni, che il gruppo dirigente è il garante dell'unità e che non si accettano intromissioni sulla vita interna del partito.

Mi sto dilungando. Ma io parlerei volentieri di questo, più che di disciplina. Scommetto che in quei partiti lì, quelli europei, di disciplina si parla assai poco. Perché non ce n'è bisogno.

Il Corriere e il notizione sulle unioni civili

Grande eccitazione al Corriere. Prima pagina. Renzi farà le unioni civili, perché lui è un tipo che mantiene la parola data. Alla tedesca, le farà. Lo ha promesso e nulla lo farà recedere. Parola di boy scout, e non sarà un Family day a fermarlo. Tenetelo. È una furia, un portento di coraggio, sprezzo del pericolo e determinazione. È così originale, per un cattolico. È così moderno, così abile, così fedele alla parola data.

Ora, sommessamente: le unioni civili alla tedesca sarebbero da anni la posizione del Pd. Unitariamente stabilita. Laici e cattolici, credenti e non credenti. Non è stato facile a suo tempo eh, ma con un  po' di riunioncine e un po' di buona volontà, si sono messi tutti d'accordo. Semmai sono i tedeschi che tra un po', se il Pd non si sbriga, cambiano idea, ma è un altro discorso. Le unioni civili alla tedesca sono nel programma elettorale del Pd, nella carta d'intenti della coalizione Italia Bene comune (al punto 9: Diritti). Però ditelo piano al Corriere.

Anche perché in effetti la notizia c'è. A quanto pare, pensate, i parlamentari del Pd per una volta saranno chiamati a votare per approvare una riforma su cui avevano chiesto i voti in campagna elettorale e per approvare la quale erano stati eletti. In effetti sarà un momento eccitante. Wow!

È tutto un complesso di cose

È che ho letto che oggi Gino Bartali compie cento anni. Diciotto luglio millenovecentoquattordici.
È perché come si fa a restare indifferenti alla poesia del clclismo, anche se non ne sai tanto, ma Gianni Mura quando puoi lo leggi sempre no? È per quella storia dell'attentato a Togliatti, quel profumo di Italia antica, di racconti dei nonni, di democristiani e comunisti che si davano una mano, sempre, nell'emergenza. È perché De Gasperi dopo gli chiese che cosa vorrebbe come regalo, come ricompensa, come riconoscimento dallo Stato. E lui rispose: "Non pagare le tasse per un anno", e De Gasperi: "Eh no, questo non si può".
Per un anno.
Questo non si può.
È perché ho letto un bellissimo pezzo di Antonio D'Orrico sul Corriere.
È perché è vero: "Bartali", di Paolo Conte, è una delle più belle canzoni della storia della musica.

Gente un po’ brilla

"La Costituzione è quella cosa che i paesi si danno quando sono sobri, per quando saranno ubriachi. E qui in Italia, in questo momento, mi sembra che ci sia un sacco di gente un po' brilla".

(Sandra Bonsanti cita Gustavo Zagrebelsky sul Corriere di oggi. Non essere mai stata una seguace acritica dei "professoroni" di Repubblica, e anzi pensare che alcune delle cose che stanno succedendo i suddetti professoroni - e la suddetta Repubblica - se le meritano, non mi impedisce di trovare questa analisi del momento che viviamo davvero, davvero, molto lucida e sobria).

Appunto sulla Kasta (e sul Corriere)

"Ho lavorato fino al 2012 al Corsera, che ha avuto il merito di denunciare con le grandi inchieste dei Sergio Rizzo e Gianantonio Stella sprechi, malversazioni e privilegi. Fu, quella, un'intuizione giornalistica penetrante dell'allora direttore, Paolo Mieli. Ma lo stesso Corriere e il sistema dei media nel suo complesso non sono riusciti a sfidare realmente la classe politica sul piano delle soluzioni. Quelle inchieste si accompagnavano a una campagna politica che, mettendo in luce le debolezze reali del governo Prodi, puntava sui tecnici che avrebbero dovuto avere alla loro testa Montezemolo. Una grande idea giornalistica, una piccola idea politica. E alla fine, complice una politica cieca, la guerra alla Casta senza le capacità di proporre alternative reali ha generato il Movimento 5 stelle. Che ora attacca politici e giornalisti".

Massimo Mucchetti, già vicedirettore del Corriere della Sera, intervistato da Goffredo Pistelli. Italia oggi, 11 aprile 2013