Tag Archives: miguel gotor

Non ci canzonate: quattro cose su Verdini

Dopo la fantastica performance televisiva di Denis Verdini sento il bisogno di confutare, serenamente e pacatamente, alcune affermazioni che oggi vanno per la maggiore sui giornali, oltre che - naturalmente - nei peggiori bar di Caracas.

- "Verdini canzona la minoranza Pd". Avrà pure irriso Gotor e Migliavacca, l'amico Denis. Ma io se fossi Luca Lotti, e se Verdini mi cantasse al telefono "La maggioranza sai, è come il vento", tanto sereno non starei. Maria Latella non aveva chiesto al suo ospite di cantare proprio questa canzone: la scelta, rapida e solo affettatamente riluttante, in un repertorio che immagino ampio, non può essere casuale. Comunque l'immagine di Luca e Denis che ridacchiano al telefono cantando canzoncine su Migliavacca è una fotografia perfetta del momento, grazie Verdini e grazie Latella per avergli chiesto di cantare. Fate girare.  Continua a leggere

Tonini contro i vietcong

Sempre interessante leggere le interviste di Giorgio Tonini, lo dico senza ironia. Oggi parla col Corriere, e dice una frase che mi gira in testa da stamattina. Dice: "In tutta Europa i sistemi parlamentari poggiano sulla disciplina di partito". Ecco, mi sembra di no.

Non solo perché, poche pagine più avanti proprio il Corriere, in un costernato ritratto di Jeremy Corbyn, candidato "rosso" in testa nei sondaggi sul congresso del New Labour, ci dice che il Nostro, dalla svolta blairiana a oggi, ha votato contro le indicazioni di partito per cinquecento volte, roba che Fornaro e Gotor sono dei principianti. Il che non gli ha impedito di fare il deputato per trentadue anni e di candidarsi oggi non a fare la scissione ma a guidarlo, il suo partito.

Non solo perché Tonini stesso nella stessa intervista ci spiega che l'Italicum non è pericoloso perché anche in un parlamento di nominati "venticinque vietcong ci saranno sempre". (E allora perché, se tanto ci sono sempre stati e ci saranno saranno sempre, proprio in questa legislatura li vogliamo sterminare sti poveri vietcong, dico io? Ma che sfiga hanno Gotor e Fornaro?).

Ma è vero che Merkel e Cameron possono contare sui loro parlamentari (per quanto liberi di dissentire), come del resto anche Renzi, che mette una fiducia a settimana e mi pare che l'abbia sempre ottenuta. La direi così, però: la democrazia parlamentare non poggia sulla disciplina di partito, bensì sui partiti. Partiti dico: non partiti della nazione in cui chi entra o chi esce fa lo stesso, non partiti personali in cui uno comanda e gli altri gli dicono bravo su twitter, e chi non si trova bene è un gufo. Partiti con una storia, che non fanno il sito nuovo rendendo inaccessibili tutti i contenuti degli anni precedenti. Partiti di cui i giornali non scrivono "vabbè allora dividetevi", e gli avversari non dicono "via, cacciate un po' di gente che i voti ve li diamo noi" senza che dalla segreteria esca una mezza parola che spieghi che nessuno deve azzardarsi a evocare scissioni, che il gruppo dirigente è il garante dell'unità e che non si accettano intromissioni sulla vita interna del partito.

Mi sto dilungando. Ma io parlerei volentieri di questo, più che di disciplina. Scommetto che in quei partiti lì, quelli europei, di disciplina si parla assai poco. Perché non ce n'è bisogno.

Rassegna Quirinale/16: epilogo

Sergio Mattarella è un uomo mite, determinato, colto, saggio e una persona di grande rigore e umanità. Sapere che è il nostro presidente della repubblica è pura felicità. Ultime cose da dire, su quanto abbiamo raccontato e letto, dopo qualche giorno di silenzio autoimposto e scaramantico. Sono parecchie, quindi le dirò rapidamente e con scarsa diplomazia.

1) Tra prima e seconda repubblica. Li hanno intervistati tutti, i campioni della prima repubblica, ma io non sono mica tanto d'accordo con questa narrazione di Mattarella come campione della prima repubblica. Nella prima repubblica Mattarella c'era e faceva il ministro, per carità, ma è della nascita della seconda repubblica che Mattarella diventa un protagonista. Continua a leggere

Il premio al partito ammazzando il partito

Quindi - grande vittoria - abbiamo strappato a Berlusconi il sì al premio alla lista e non più alla coalizione. Io sono d'accordo. Per chi ha creduto nel Partito democratico, poter finalmente votare direttamente per il proprio partito, e poter puntare a vincere col proprio partito, è una soddisfazione grande, in un paese nel quale per anni per essere cool bisognava parlare male dei partiti, e per avere chances di vittoria alle elezioni bisognava nascondere il partito in qualche calderone indistinto, e per essere leader era meglio se rinnegavi la tua storia di partito. L'avevo anche scritto - altri tempi - qui.
E tuttavia, proprio oggi, mi chiedo: cos'è un partito? Un posto dove io ci sto, ma se io non sono d'accordo si va da Verdini e ci si mette d'accordo con lui per fare quello su cui io non sono d'accordo. E se poi anche un pezzo del partito di Verdini non è d'accordo, chi se ne frega tanto i numeri ci sono. È questo, un partito? Che partito è? Cosa lo voto a fare?

Caro Menichini, quanta propaganda (quando è troppo è troppo)

Questo articolo è uscito su Europa del 26 aprile 2014

Caro direttore,
Sarà che è il 25 aprile, o più modestamente sarà che quando è troppo è troppo: e il tuo editoriale di ieri, semplicemente, è troppo. Un politico può fare tutta la propaganda che vuole, ma un giornalista non può avallare e trasmettere ai suoi lettori l'idea che sia in corso uno scontro tra sostenitori del senato non elettivo (cambiamento) e sostenitori del senato elettivo (mantenimento del bicameralismo perfetto, salvaguardia dello stipendio e di tutto lo status quo): semplicemente perché non è così. La proposta Chiti non difende il bicameralismo perfetto e neanche l'elezione diretta dei senatori alle elezioni politiche com'è oggi; riduce il numero dei parlamentari in maniera ancora più incisiva della proposta Boschi e differenzia le competenze tra le due camere. Ma non mi interessa, perché non saprei e non voglio dire se sia meglio adottare un altro testo o emendare quello del governo. Sono valutazioni che spettano ad altri, e che altri faranno con più competenza. Certo che dipingendo la questione come fai tu diventa facile poi dire che "laggente lo vuole", non trovi? (A proposito: tu conosci Vannino Chiti come lo conosco io. Davvero riesci a scrivere restando serio che si tratta di un uomo che "cerca visibilità"? La mia ammirazione per te è già grande, ma nel caso ne sarebbe accresciuta). (Continua qui)

20140426-092849.jpg