Ma andate a cagare voi e le vostre bugie. (La favola di Adamo ed Eva)

Chiedo venia trovo un po' esagerato
pagare tre volte un litro di benzina
sentirsi dire con sorrisi di rame
che sono costretti dal mercato dei cambi
ma andate a cagare voi e le vostre bugie

Basta cazzate, basta. Non ricostruiremo un progetto di sinistra con le frasi fatte e i luoghi comuni. Non usciremo dalle rovine con le ipocrisie autoassolutorie. Basta. Basta. Facciamo i nomi, io per prima.

Adesso mi venite a dire che bisogna andare "oltre il Pd" (Romano Prodi, tra gli altri). Dopo che per anni siete stati al caldo in un Pd sempre più piccolo, chiuso, monocorde a spiegare che guai ad andarsene perché "siamo una comunità", e a battezzare subito "padre nobile" chi ripeteva questa banalità ipocrita e falsa - falsa, dopo i 101, dopo Marino, dopo Letta, dopo le espulsioni dalla commissione di ex segretari e ex presidenti, dopo le dimissioni di un capogruppo senza dibattito e discussione, senza che nessuno fosse capace di dire che se il Pd avesse avuto "padri nobili", sarebbero state impedite tutte queste cose senza bisogno di fare scissioni. Siamo una comunità, come no.

Santi numi ma che pena mi fate
strozzati inghiottiti come olive ascolane

Adesso mi venite a spiegare (Michele Serra) che l'atto di morte della sinistra sono state le elezioni in Emilia Romagna, quando votò il 37 per cento - in Emilia Romagna! -, ma grazie. Grazie da parte di tutti i gufi rosiconi, insultati perché guastavano la festa, "l'astensionismo è un fatto secondario", certo. Adesso ci spiegate che invece del diluvio grillino è arrivata la valanga leghista (Sergio Rizzo, inviato in Toscana): ma quanto era bello prendere in giro chi diceva "non vedete la mucca nel corridoio", non è vero?

Pensarsi arrivati dopo un lungo week end

Basta dire che è stata colpa di tutti allo stesso modo. Di chi diceva "così perdiamo" e di chi faceva così lo stesso, perché certo sono odiosi quelli che dicono lo avevo detto. E però lo avevano detto.

Basta dire che i problemi c'erano già prima, e in fondo Renzi ha addirittura frenato la caduta (Enrico Mentana). E certo che c'erano i problemi. E certo che forse la sinistra avrebbe perso lo stesso, di fronte all'onda di destra, anche senza gli errori di chi ha sbagliato. Ma un conto è perdere, un altro smobilitare, "perdere se stessi", scrive Ezio Mauro. E però qualcuno lo aveva detto. Volete dirmi che anche con Bersani segretario il Pd avrebbe perso Imola? Ma nemmeno se lo vedessi succedere ci crederei. Ma basta.

Credo di notare una leggera flessione del senso sociale
la versione scostante dell'essere umano che non aspettavo
cadere su un uomo così divertente ed ingenuo da credere ancora
alla favola di Adamo ed Eva
favola di Adamo ed Eva

Basta dire che "tutti hanno fallito, e chi ha fallito deve lasciare il campo". Fatemi i nomi. Chi ha fallito? Quando? Chi deve lasciare il campo? Quale campo? Se no sono solo frasi fatte, come quelle di cui vi siete cibati per anni a colazione, pranzo e cena, tipo "non voglio un partito pesante, voglio un partito pensante": cazzate. Chi deve lasciare il campo? Perché? E soprattutto: siamo sicuri che non lo abbia già lasciato, e che ci siano da tempo praterie aperte davanti a gente che semplicemente non è capace di correre? Hanno fallito tutti allo stesso modo? Siamo sicuri?

E davvero "Basta con il renzismo e con ciò che l'ha prodotto, da D'Alema a Bersani" (Massimo Cacciari)? Davvero aver capito per primo la sfida di Renzi dentro il Pd, averla accettata contro il parere di tutti e averla vinta è uguale a "averlo prodotto"? Davvero Cacciari e quelli come lui sono innocenti e possono continuare a sputare sui "gruppi dirigenti del passato" e stabilire chi saranno i buoni del futuro?

E infine basta dire che "la gente vuole facce nuove", basta. Ha vinto Scajola, vi volete rendere conto? Cosa vuol dire essere giovani? Vuol dire crederci, avere coraggio, entusiasmo, curiosità, generosità, capacità di mettersi in discussione, voglia di rischiare. Vuol dire voler cambiare il mondo, essere giovani. E invece non ho mai visto una classe dirigente più boriosa, supponente e poltronara di quella dei miei coetanei rottamatori - e di chi ne ha cantato l'ascesa. La gente vuole teste giovani, e voi siete vecchi dentro.

Siamo uomini troppo distratti
da cose che riguardano vite e fantasmi futuri
ma il futuro è toccare mangiare tossire ammalarsi d'amore

7 Responses to Ma andate a cagare voi e le vostre bugie. (La favola di Adamo ed Eva)

  1. giovanna taverni

    sono d’accordo e sottoscrivo , anche se in ritardo.
    I discorsi e gli interventi di Pierluigi Bersani, quelle buffo della mucca in corridoio, sono ancora quelli di più alta sostanza e intelligenza politica, che ti fanno venire voglia di seguire un dibattito politico e non di prendere a parolacce il televisore .

  2. Chiara grazie di aver scritto “esattamente’ quello che io penso e provo – ‘esattamente Chiara’ in ogni minimo passaggio di sentimento e di pensiero – ogni giorno, tutti i giorni in cui un altro si aggiunge ORA ai TUTTI che DICONO (ora …capisci …ora!!!) quello che un altro solo PRIMA ‘da solo’ aveva intuito capito e detto e anticipato e cercato di far capire fino allo sfinimento nella quasi totale indifferenza se non benevola compiacenza dei SOLONI dell’ adesso.
    sono incazzata nera Chiara… chiusa in un livido silenzio contro questo nulla umano.
    Grazie … e teniamoci per mano Chiara in questi giorni bui noi gente dal ‘comun sentire”.

  3. Sottoscrivo. E la dimostrazione della nullità e del vuoto di pensiero e di visione della “gggiovane” classe dirigente sta tutta nel fatto che ora stanno a discutere sulla data del congresso, quando il congresso sarebbe dovuto partire subito dopo il 4 dicembre 2017! Almeno la cosiddetta “vecchia classe dirigente” , (Bersani D’Alema ecc) una visione , un pensiero lungo ce l’aveva, potevi anche non condividerli e discuterli. Ma adesso? Il vuoto. Anzi no , l’unica idea che s’è accesa è la proposta di Calenda , che poi piacerebbe pure a Renzi: cioè di due che non c’entrano niente con la sinistra e nemmeno con il centro-sinistra . Mah!

  4. Siamo tutti colpevoli, sembra il tutti hanno rubato di craxiana memoria. Come sosteneva giustamente Giorgio Bocca (se non ricordo male) se tutti uriniamo contro un muro saremo forse più democratici, ma avremo trasformato il mondo in un cesso.

  5. Senza le inutili e dannose (a mio parere) invettive ne condivido i contenuti e lo condividerei sul mio diario.

  6. Condivido totalmente, come sempre, la lucida ed appassionata invettiva di Chiara Geloni contro l’ipocrisia e la memoria corta dei tanti che solo oggi si accorgono dello sfacelo ed accomunano, nelle responsabilità, chi quello sfacelo ha causato e sostenuto con la parola e la penna e chi, invece, lo ha temuto, previsto e combattuto (tra le offese ed il sarcasmo di quegli altri).

  7. l’unica cosa sensata che ho letto dal dopo-elezioni
    complimenti!
    marco

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*