Tag Archives: twitter

“Se uno è perbene deve dimostrarlo”. Riflessioni su un flame su twitter

Scrivo questo post come monito a me stessa, ma anche perché voglio che ci sia agli atti una mia versione dei fatti, in caso a qualcuno interessi. E infine perché penso che sia utile interrogarsi su quello che succede.

Ieri pomeriggio Barbara Collevecchio ha fatto un tweet con lo screenshot di vari insulti e auguri di morte a Bersani comparsi in rete il 5 gennaio 2014, giorno in cui venne ricoverato e operato d'urgenza al cervello. Il senso del tweet era: "Bersani ecco con chi tu vuoi alleare, con quelli che ti insultavano così quando stavi male". Continua a leggere

Twitter e la giornalista

Riepilogando:

Se lavori per il pubblico, sei una parassita.
Se lavori per il privato, sei venduta a un padrone.
Se lavori per una grande testata, sei venduta a un padrone.
Se lavori per una piccola testata, sei una poveraccia che nessuno legge.
Se guadagni tanto, sei una ladra.
Se guadagni poco, non vali niente.
Se sei disoccupata, non vali niente (a differenza di loro, che sanno cos'è davvero la disoccupazione e sono tutti disoccupati a causa delle avversità della vita e delle ingiustizie del mondo).
Se "sei una che parla degli affari suoi su twitter" (cioè pubblichi le cose che scrivi e avverti quando ti capita di andare in tv), allora chiunque con la foto profilo di un supereroe giapponese e il nome fatto di tre numeri e quattro consonanti ha diritto di pretendere di sapere se ti hanno pagato, e quanto, e di insultarti se non metti immediatamente il link dell'estratto conto.
Se t'incazzi e rispondi, sei maleducata.
Se t'incazzi e non rispondi, sei arrogante.
Se una volta o due al mese ti pagano un pezzo, non sei disoccupata.
Se lavori, anche occasionalmente, per un editore diverso da prima continuando a scrivere e a pensare le stesse cose che pensavi e scrivevi prima, sei incoerente.
Se uno che ti ha invitato in tv interviene per dire che lui invita in tv chi vuole e ha invitato te perché gli piace come lavori, sei la pupilla di un nuovo capo.
Se passano tutto il giorno a parlare di te su twitter ogni volta che appari in tv o scrivi un pezzo, è la prova che non sai fare comunicazione.

Se rinasco, mamma: cantante di night.